Home / Culture / Cappi Files / Dossier Contreras: l’esordio di Nightshade

Dossier Contreras: l’esordio di Nightshade

cover-dossier-contreras

 

Esce in ebook, da Algama EditoreDossier Contreras, secondo volume della collana Kverse. Dopo Malagueña, disponibile da metà aprile in versioni epub e kindle, in cui se ne scoprivano le origini, entra ora in scena la vera protagonista della serie: Mercedes “Mercy” Contreras, nome in codice Nightshade, che vediamo impegnata nelle sue prime due missioni. Nell’estratto che segue  la troviamo a Ibiza, affiancata dal suo braccio destro Jorge Romero, da uno stagionato agente della CIA di nome Nick e da un tiratore scelto il cui nome in codice è Angel. Obiettivo: derubare una banda di trafficanti bulgari dei soldi per l’acquisto di un carico d’armi, sequestrato nel frattempo dalla Guardia Civil spagnola. Vi lascio all’azione, in attesa dell’appuntamento settimanale con la mia miniserie Black, in esclusiva qui su Fronte del Blog. 

La spiaggia si trovava in fondo al Camì de s’Estanyol e in quella sera d’inverno era un deserto. Dal suo nascondiglio, Nightshade vide uno Scania fermarsi sugli ultimi metri di strada, per evitare di impantanarsi nella sabbia bagnata di pioggia. Il motore era acceso, i tergicristalli continuavano a lottare contro l’acqua scrosciante sul parabrezza, i fari erano puntati verso il mare. Dal camion non scese nessuno: i bulgari aspettavano che arrivassero i loro amici russi dal mare. C’era da supporre che dal Divina le armi dovessero essere sbarcate a bordo di un canotto, operazione che avrebbe richiesto un po’ di tempo.

La squadra della Sezione D era pronta già da qualche ora. Il primo ad arrivare, Angel, si era appostato in alto sulle rocce. Nightshade non lo aveva visto nemmeno stavolta, quell’uomo era una specie di fantasma. Gli altri – lei, Nick e Jorge Romero – erano arrivati dopo, lasciando l’auto più indietro, ben mimetizzata in mezzo agli alberi. Avevano percorso l’ultimo tratto a piedi, attenti a non lasciare tracce visibili. I due uomini si erano nascosti tra i cespugli all’imboccatura della spiaggia, mentre Nightshade era a un passo dall’acqua, dietro una roccia, in piedi su un cumulo di alghe lasciato da una mareggiata.

Dall’auricolare arrivò la voce di Nick. «Sms dal mio contatto spagnolo. Li hanno presi.»

«Okay. Tutti pronti?» fece lei.

«Qui Angel. Pronto.»

«Qui Nick. Pronto.»

«Uh, anch’io», disse Jorge.

Nightshade sbucò dal suo nascondiglio, avviluppata nella cerata nera con il cappuccio che nascondeva il viso. Avevano tutti indosso un passamontagna per non essere riconosciuti, ma per il momento lei doveva passare per uno dei russi, appena arrivato via mare: una figura indistinta nella pioggia, illuminata dai fari dello Scania.

Solo quando fu accanto al guidatore estrasse da sotto la cerata la semiautomatica S&W. Jorge fece lo stesso dall’altra parte, dal lato del passeggero.

I due bulgari nella cabina scesero in silenzio, con le mani in alto.

Nightshade requisì le loro pistole. Fu Jorge a parlare, in spagnolo, supponendo che lo capissero. «In ginocchio, mani dietro la testa. In quanti siete sul camion?»

Nessuno rispose.

«Quanti?» insistette Jorge, con la pistola alla cintola, mentre immobilizzava i polsi di uno dei due con diversi giri di nastro adesivo.

Nightshade era davanti a loro, impegnata a tenerli sotto tiro. Finché restava zitta, con indosso la cerata informe nessuno avrebbe capito che era una donna.

Jorge mise un pezzo di nastro adesivo sulla bocca del primo, gli appoggiò uno scarpone sulla schiena e lo costrinse e sdraiarsi a terra a pancia in giù. Poi passò all’altro, sfilò la S&W dalla cintola gliela spinse contro la nuca. «Preferisci il nastro adesivo o un proiettile? Con un colpo faccio prima. Quanti siete?»

«Due», rispose il bulgaro. «Ce ne sono altri due.»

«D’accordo.» Jorge ripeté l’operazione con il secondo bulgaro, poi rimase a sorvegliare i due mentre Nightshade andava verso il retro del camion.

Nick bussò al portello posteriore con la canna della sua pistola, poi gridò. «Slizam!»

Dopo qualche secondo il retro del camion si aprì e comparvero altri due uomini, che osservarono perplessi le figure in nero con il passamontagna e le pistole. Non tardarono a capire che stavano per essere rapinati.

Balzarono a terra. Uno dei due non resistette alla tentazione di mettersi a correre, ma dopo un paio di metri un proiettile di preavviso sparato dall’alto delle rocce sollevò uno sbuffo di sabbia davanti a suoi piedi. L’uomo si immobilizzò.

Mentre Nick conduceva i due davanti al camion, Nightshade saltò a bordo. Il vano di carico era vuoto, eccezion fatta per due coperte, una lampada e una valigia, che lei aprì.

Dollari. Il pagamento per le armi.

Mercy prese la valigia. Jorge tolse le chiavi dal cruscotto del camion e se le mise in tasca, poi il gruppo si diresse verso la strada.

Il rumore del mare. La pioggia che batteva sul metallo dello Scania. Per il resto, silenzio.

Passò qualche minuto, poi quello che aveva tentato la fuga poco prima strisciò sulla sabbia, cercando di raggiungere uno dei suoi compagni.

Un altro colpo di fucile: il proiettile arrivò sulla sabbia, a una decina di centimetri dalla faccia dell’uomo. Anche stavolta, dall’alto delle rocce, l’Heckler & Koch PSG-1 lo aveva convinto a desistere.

Angel sorrise, rialzandosi in piedi per andarsene. Prima o poi ci avrebbero riprovato, avrebbero capito di non essere più sotto tiro e si sarebbero liberati. Ma intanto lui e il resto della squadra avevano tutto il tempo di allontanarsi. Tutto molto semplice, come aveva promesso Nick. Molto meglio che essere in Afghanistan, pensò Angel.

Acquista l’ebook Dossier Contreras su Amazon, BookRepublic, IBS o in qualsiasi libreria online.

In copertina e nel booktrailer Mercy Contreras è interpretata da Selene Feltrin

 

Chi è Andrea Carlo Cappi

Andrea Carlo Cappi, nato a Milano nel 1964, vive da anni tra l'Italia e la Spagna. È uno dei più attivi scrittori italiani di letteratura di genere, spaziando fra thriller, avventura e fantastico. Dal 1993 ha pubblicato cinquanta titoli fra narrativa e saggistica e più di un centinaio di racconti. È anche traduttore di numerosi bestseller dall'inglese e dallo spagnolo e ha curato varie edizioni italiane dell'agente 007. Ha scritto i racconti e romanzi del "Kverse", l'universo thriller che riunisce le serie "Nightshade" (da Segretissimo Mondadori, firmata a volte con lo pseudonimo François Torrent), "Medina" (Il Giallo Mondadori, Segretissimo Mondadori) e "Black" (Cordero Editore). Sono riapparsi di recente in libreria "Medina-Milano da morire" (Cordero), "Nightshade-Obiettivo Sickrose" (Cento Autori), cui si aggiungono le novità "Black and Blue" e "Back to Black" (Cordero). Algama Editore (www.algama.it) sta pubblicando in ebook parecchi titoli editi e inediti di questo ciclo: "Malagueña", "Dossier Contreras", il serial "Missione Cuba", "Black Zero", "Black and Blue". Cappi ha dato vita anche a una saga horror-erotica con il romanzo "Danse Macabre-Le vampire di Praga" (Anordest). Ha collaborato al serial di RadioRAI "Mata Hari" e ai fumetti di "Martin Mystère", personaggio cui ha dedicato racconti e romanzi originali, tra cui "L'ultima legione di Atlantide" (Cento Autori). Ha scritto poi quattro romanzi originali con protagonisti Diabolik ed Eva Kant, ora ripubblicati da Excalibur/Il Cerchio Giallo. Per Algama è autore dell'ebook "Fenomenologia di Diabolik", saggio autorizzato sul Re del Terrore e il suo mondo in tutte le loro declinazioni, ora riproposto in un volume illustrato a colori da Edizioni NPE. Sono disponibili in ebook anche il saggio "Le grandi spie" (Vallardi), il mystery "Il gioco della dama" (dbooks.it), le storie erotiche de "La perfezione dell'amore" (Eroscultura) e il racconto fanta-erotico "Nuova carne" scritto a quattro mani con Ermione (Eroscultura); con lei Cappi ha pubblicato inoltre per Algama gli ebook "Tutto il ghiaccio del mondo" e "Cosplay". Gestisce con Giancarlo Narciso il webmagazine Borderfiction.com e con Fabio Viganò il blog "Il Rifugio dei Peccatori".

Leggi anche

Mare, flamenco e scandali: benvenuti a Magalluf

In Gran Bretagna se ne parla sui giornali e in tv come il luogo in cui i giovani d'Oltremanica vanno a devastarsi tra alcool, sesso e balconing, mentre per molti altri turisti è solo una spiaggia spettacolare e tranquilla,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi