Home / Bar Sport / Luciano Spalletti e Francesco Totti: c’eravamo tanto amati … adesso però basta

Luciano Spalletti e Francesco Totti: c’eravamo tanto amati … adesso però basta

 

 

 

 

Frosinone Calcio v AS Roma - Serie A

 

E’ quindi finito ufficialmente a Bergamo il grande amore, ammesso sia mai esistito, tra mister Spalletti e il Capitano Totti. Tra i due ci fu grande, appassionata, ricambiata e strepitosa sintonia durante il primo, fortunato ciclo di Spalletti sulla panchina giallorossa verso la metà degli anni Duemila. Ma stavolta, con l’avvento appunto del Luciano Spalletti Bis nell’inverno scorso 2016, ecco il feeling non solo non è mai sbocciato, ma è addirittura scoppiato. E il fragore dello scoppio disturbava prima, disturba oggi e disturberà domani allorquando, probabilmente a giugno, clamorosamente, salvo colpi di coda, Francesco Totti lascerà la sua Magica Roma, club al quale ha dato tutto, sodalizio nel quale ora fatica a trovarsi, in malo modo.

Cosa è successo di epocale nel capoluogo bergamasco? Beh a margine delle consuete interviste post gara, il tecnico romanista di fatto ha scaricato il Pupone, per la cronaca autore del gol del pareggio, equiparandolo a un calciatore normale. Anzi ha fatto persino di peggio raccontando ai quattro venti di una partita a carte tra calciatori,tra i quali Francesco Totti, terminata a notte fonda nella nottata dell’immediata vigilia della sfida con l’Atalanta. Ed è forse questo clima agrodolce, in un certo senso da gita scolastica, con determinate partite prese non al massimo della concentrazione uno dei limiti maggiori degli Spalletti Boys.E … sì se si parla pubblicamente delle dolci, serene notti romane, dopo che con la precedente gestione tecnica Garcia erano uscite voci di allenamenti leggeri, allora significa davvero che un epoca sta finendo. Particolare non indifferente: il mister in questo periodo, per l’Associazione sportiva Roma, italoamericana per presidenza, sta facendo praticamente tutto, forse troppo, dal preparatore atletico all’addetto stampa passando per il team manager all’allenatore di campo. Ergo se agisce in tal senso, il buon Luciano lo fa con l’assenso del presidente.

Stefano Mauri

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Gigio e i cavoli suoi, Allegri il Romantico, Juve & Champions, Spalletti da Inter?

      Allora, da mesi siamo impegnati, prima perché non voleva rinnovare, poi per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi