Home / Bar Sport / Mister Sarri quando parla di bilanci e budget non attacca la Juve, ma De Laurentiis

Mister Sarri quando parla di bilanci e budget non attacca la Juve, ma De Laurentiis

 

sarri

 

Mister Maurizio Sarri è uomo di campo abituato a sgobbare con quello che ha a disposizione senza fare richieste particolari e pregiate di mercato al (suo) presidente di turno. Ciò detto, specificando che, interpellato ad hoc certamente negherebbe tutto, non risponderebbe, cambierebbe discorso o starebbe sul vago, beh quel toscanaccio (un poco campano per DNA) di Sarri, ecco qualche rinforzo di peso, dal presidentissimo Aurelio De Laurentiis se l’aspettava.

Eccome se l’aspettava. Si perché per alimentare il sogno scudetto, a questo pur forte e sorprendente Napoli, ecco uno o due ritocchi pesanti e pensanti avrebbero fatto comodo, che la Juventus, più abituata a vincere, più completa e più allenata a reggere certi stress, ecco andava fronteggiata con un Napule rinforzato sul serio nell’ultima fase del calciomercato di riparazione. Sabato scorso nel big match vinto di misura, ma con classe, convinzione e gusto allenato alla … permanenza nelle postazioni di vertice, Massimiliano Allegri ha raddrizzato la rotta inserendo, giocoforza o per intuizione, tre panchinari di lusso quali Zaza (autore del gol vittoria), Rugani e Alex Sandro (suo l’input iniziale per quel Babbbbà di Zaza).

Ebbene, i primi due dell’elenco, Sarri li avrebbe allenati volentieri, ma la Juve se li è tenuti stretti. Ergo quando mormora tra il serio e il faceto che in Italia i campionati si vincono soprattutto con un budget denso, ricco e aperto alle novità, probabilmente, più che per attaccare la Vecchia Signora o per giustificarsi, Sarri (non ha certe esperienze a certi livelli, ma fesso non è) lo fa per lamentarsi (provocando?) con De Laurentiis il quale forse, anziché aspettare giugno, per vedere l’effetto che fa e per sfruttare il momento, almeno un colpo gobbo ai gobbi doveva farlo a gennaio cacciando la grana. O no?

Stefano Mauri

 

 

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Mandzukic promette sacrificio “all’innamorato” (di Ambra) mister Allegri

      Ora, detto (beato lui) che mister Max Allegri, insieme all’attrice (scoop del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi