Home / Focus / Kim Tucci: la storia della mamma in attesa di 5 gemelli

Kim Tucci: la storia della mamma in attesa di 5 gemelli

L’incredibile storia di Kim Tucci, incinta di cinque gemelli senza alcuna cura ormonale: un caso ogni sessanta milioni

kimtucci1b

 

Cosa si prova a restare incinta di ben cinque gemelli? Lo racconta sulla sua pagina Facebook, “Surprised by five”, la 26enne Kim Tucci, di Perth, Australia, in una vicenda raccolta dal Daily Mail – GUARDA

Le immagini di Kim Tucci in gravidanza – FOTOGALLERY

IL CASO – La storia di Kim è diventata virale quando la fotografa Erin Elizabeth l’ha immortalata col pancione sulla spiaggia alla 24ma settimana di gravidanza, decidendo di seguirla passo passo. Da allora la sua pagina Facebook, già molto seguita, è stata inondata di like e ora sfiora i 170mila fan. E anche i media internazionali si sono interessati al caso.

kimtucci0

LA GRAVIDANZA – Kim ha già due figlie e, quando è rimasta incinta, sperava tanto che stavolta fosse un maschietto. Era il mese di luglio e il medico le aveva detto che si trattava di due gemelli: “Ero così eccitata !! GEMELLI!!! Ero entusiasta all’idea di due gemelli, ma assolutamente nulla sulla faccia della Terra avrebbe potuto prepararmi a quanto è successo dopo”… quando cioè il medico ha scoperto cinque diversi battiti cardiaci: quattro maschi e una femmina.

kimtucci1a

LA REAZIONE – “Le mie gambe hanno iniziato a tremare in modo incontrollabile e l’unica cosa che sono riuscita a fare è stato ridere .. Ho chiamato mio marito dalla sala ecografica, ma credo che all’inizio non mi abbia creduto. È stato lui, emozionato, a dirmi poi che avremmo potuto farcela”.

Le storie che stanno commuovendo la Rete- SPECIALE

LA NUOVA VITA – Certo, non è facile, a partire dal cambiamento del corpo: “È difficile accettare che la vita cambierà per sempre e che la mia piccola famiglia diventerà enorme tutto in un momento… Ora ho un sacco di smagliature” ma il marito le dice che dovrebbe portarle con orgoglio. E in effetti ammette che vale la pena fare qualsiasi sacrificio. . Anzi, quando le hanno detto di considerare l’ipotesi di tenerne solo due per essere certi del buon esito del parto, Kim si è categoricamente rifiutata.

kimtucci2

IL RITMO – Ora che è giunta alla 29ma settimana, le esigenze sono dure: mangiare per seimila calorie al giorno (con l’intolleranza a diversi latticini), lottando per ore contro il reflusso. E andare in bagno anche 12 volte per notte. E poi il riposo: “Per quanti cuscini metta, nulla riesce a dare supporto alla schiena e alla pancia”. I bimbi stanno tutti bene. E intorno a sé sta trovando grande solidarietà.

Edoardo Montolli per Oggi.it

Tutti i libri di Edoardo Montolli – GUARDA

Il boia di Edoardo Montolli su Kindle – GUARDA

 

Chi è Edoardo Montolli

Edoardo Montolli, giornalista, è autore di diversi libri inchiesta molto discussi. Due li ha dedicati alla strage di Erba: Il grande abbaglio e L’enigma di Erba. Ne Il caso Genchi (Aliberti, 2009), tuttora spesso al centro delle cronache, ha raccontato diversi retroscena su casi politici e giudiziari degli ultimi vent'anni. Dal 1991 ha lavorato con decine di testate giornalistiche. Alla fine degli anni ’90 si occupa di realtà borderline per il mensile Maxim, di cui diviene inviato fino a quando Andrea Monti lo chiama come consulente per la cronaca nera a News Settimanale. Dalla fine del 2006 alla primavera 2012 dirige la collana di libri inchiesta Yahoopolis dell’editore Aliberti, portandolo alla ribalta nazionale con diversi titoli che scalano le classifiche, da I misteri dell’agenda rossa, di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti a Michael Jackson- troppo per una vita sola di Paolo Giovanazzi, o che vincono prestigiosi premi, come il Rosario Livatino per O mia bella madu’ndrina di Felice Manti e Antonino Monteleone. Ha pubblicato tre thriller, considerati tra i più neri dalla critica; Il Boia (Hobby & Work 2005/ Giallo Mondadori 2008), La ferocia del coniglio (Hobby & Work, 2007) e L’illusionista (Aliberti, 2010). Dirige la casa editrice Algama (www.algama.it).

Leggi anche

Bruno Vespa non avrebbe dovuto intervistare Salvo Riina? E perché mai?

Enzo Biagi intervistò Liggio. C’è chi ha intervistato i peggiori assassini. E perché allora Vespa non può decidere di ascoltare Salvo Riina? Per quale ragione a decidere chi intervista chi deve essere la Commissione Antimafia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi