Home / Focus / Francesco Nuti maltrattato dal badante? L’attore: “Ho paura”

Francesco Nuti maltrattato dal badante? L’attore: “Ho paura”

Tutto parte dalla denuncia di un assistente che sostiene di essere stato testimone oculare: Francesco Nuti maltrattato e picchiato. Indaga la Procura di Prato

francesco nuti

 

La Procura di Prato indaga sui maltrattamenti e le percosse che avrebbe subito dal suo badante georgiano l’attore Francesco Nuti, malato da quasi dieci anni.

LA DENUNCIA- Tutto parte dalla denuncia fatta da un suo assistente, il quale sostiene di essere stato testimone oculare dell’accaduto. Il badante, allontanato per ordine del gip, sarà interrogato tra una decina di giorni.

Francesco Nuti: “Ci vuole coraggio a vivere, ma il futuro è allegro” – INTERVISTA ESCLUSIVA

LA VERSIONE DELL’ATTORE- Davanti al sostituto procuratore Antonio Sangermano, Nuti ha in effetti scritto un biglietto: “Ho paura”. Secondo le indagini, i maltrattamenti potrebbero essere andati avanti da un anno: schiaffi sul collo, pratiche violente e umiliazioni.

LA TESTIMONIANZA- A dicembre il badante  è stato affiancato da un ragazzo africano che avrebbe dovuto sostituirlo nelle vacanze natalizie. È stato quest’ultimo a osservare i maltrattamenti e a raccontare quanto visto alla sorella e al padre dell’attore.

LA MALATTIA- Francesco Nuti finì in coma il 3 settembre 2006 per via di un incidente domestico. Operato d’urgenza, riaprì gli occhi due mesi più tardi. Da allora è iniziata una lunga riabilitazione. Ma è costretto a muoversi su una carrozzina e ad avvalersi dell’aiuto costante di una persona.

Edoardo Montolli per Oggi.it

Tutti i libri di Edoardo Montolli – GUARDA

Il boia di Edoardo Montolli su Kindle – GUARDA

Chi è Edoardo Montolli

Edoardo Montolli, giornalista, è autore di diversi libri inchiesta molto discussi. Due li ha dedicati alla strage di Erba: Il grande abbaglio e L’enigma di Erba. Ne Il caso Genchi (Aliberti, 2009), tuttora spesso al centro delle cronache, ha raccontato diversi retroscena su casi politici e giudiziari degli ultimi vent'anni. Dal 1991 ha lavorato con decine di testate giornalistiche. Alla fine degli anni ’90 si occupa di realtà borderline per il mensile Maxim, di cui diviene inviato fino a quando Andrea Monti lo chiama come consulente per la cronaca nera a News Settimanale. Dalla fine del 2006 alla primavera 2012 dirige la collana di libri inchiesta Yahoopolis dell’editore Aliberti, portandolo alla ribalta nazionale con diversi titoli che scalano le classifiche, da I misteri dell’agenda rossa, di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti a Michael Jackson- troppo per una vita sola di Paolo Giovanazzi, o che vincono prestigiosi premi, come il Rosario Livatino per O mia bella madu’ndrina di Felice Manti e Antonino Monteleone. Ha pubblicato tre thriller, considerati tra i più neri dalla critica; Il Boia (Hobby & Work 2005/ Giallo Mondadori 2008), La ferocia del coniglio (Hobby & Work, 2007) e L’illusionista (Aliberti, 2010). Dirige la casa editrice Algama (www.algama.it).

Leggi anche

Bruno Vespa non avrebbe dovuto intervistare Salvo Riina? E perché mai?

Enzo Biagi intervistò Liggio. C’è chi ha intervistato i peggiori assassini. E perché allora Vespa non può decidere di ascoltare Salvo Riina? Per quale ragione a decidere chi intervista chi deve essere la Commissione Antimafia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi