Home / Delitti / Il giallo sulla morte di Mario Biondo: pm a Madrid per interrogare la moglie

Il giallo sulla morte di Mario Biondo: pm a Madrid per interrogare la moglie

Trovato impiccato un anno fa, il caso dalla morte di Mario Biondo in Spagna fu archiviato come suicidio. Ma ora la Procura di Palermo è andata a interrogare la sua compagna, nota showgirl spagnola

Raquel Sanchez Silva's marriage in Taormina

La Procura di Palermo ha deciso di indagare sulla morte di un cameraman italiano a Madrid: il caso di Mario Biondo, che in Spagna fu archiviato come suicidio.

Mario e Raquel, due destini diversi – FOTOGALLERY

LA MORTE – Mario Biondo, palermitano, aveva 37 anni quando, il 30 maggio 2013, fu trovato impiccato ad una libreria. Gli spagnoli non ebbero dubbi e ritennero che l’uomo si fosse tolto la vita.

mariobion34

LA RIAPERTURA – Ora si muove però anche la Procura di Palermo, sollecitata dai genitori dell’uomo e da un folto gruppo di persone convinte che sulla vicenda ci sia ancora molto da chiarire. Su Facebook una pagina con oltre 7000 aderenti chiede “giustizia”.

LA MOGLIE – I magistrati andranno così in trasferta per ascoltare otto persone. Tra loro anche la moglie di Mario, la showgirl spagnola Raquel Sanchez Silva, molto nota per aver partecipato a diverse trasmissioni tv (tra cui l’Isola dei famosi iberica) e aver lavorato per Telecinco. I genitori del giovane sono partiti per Madrid e sostengono che Raquel “deve dire tutta la verità su quella notte, perché finora ha detto solo bugie»”.

mariobion5

I DUBBI – I due si erano sposati un anno prima della tragedia. Nel consultare i tabulati telefonici è emerso che dalle 21,30 all’una di notte del 30 maggio ci furono diverse chiamate tra i due. E che Mario chiamò tre volte uno spacciatore per poi chattare fino all’una su Whatsapp. Soprattutto risulta che quella notte l’uomo ritirò una grossa cifra al bancomat. Ma quei soldi non sono mai stati ritrovati.

Edoardo Montolli per Oggi.it

Tutti i libri di Edoardo Montolli – GUARDA

Il boia di Edoardo Montolli su Kindle – GUARDA

Chi è Edoardo Montolli

Edoardo Montolli, giornalista, è autore di diversi libri inchiesta molto discussi. Due li ha dedicati alla strage di Erba: Il grande abbaglio e L’enigma di Erba. Ne Il caso Genchi (Aliberti, 2009), tuttora spesso al centro delle cronache, ha raccontato diversi retroscena su casi politici e giudiziari degli ultimi vent'anni. Dal 1991 ha lavorato con decine di testate giornalistiche. Alla fine degli anni ’90 si occupa di realtà borderline per il mensile Maxim, di cui diviene inviato fino a quando Andrea Monti lo chiama come consulente per la cronaca nera a News Settimanale. Dalla fine del 2006 alla primavera 2012 dirige la collana di libri inchiesta Yahoopolis dell’editore Aliberti, portandolo alla ribalta nazionale con diversi titoli che scalano le classifiche, da I misteri dell’agenda rossa, di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti a Michael Jackson- troppo per una vita sola di Paolo Giovanazzi, o che vincono prestigiosi premi, come il Rosario Livatino per O mia bella madu’ndrina di Felice Manti e Antonino Monteleone. Ha pubblicato tre thriller, considerati tra i più neri dalla critica; Il Boia (Hobby & Work 2005/ Giallo Mondadori 2008), La ferocia del coniglio (Hobby & Work, 2007) e L’illusionista (Aliberti, 2010). Dirige la casa editrice Algama (www.algama.it).

Leggi anche

Bruno Vespa non avrebbe dovuto intervistare Salvo Riina? E perché mai?

Enzo Biagi intervistò Liggio. C’è chi ha intervistato i peggiori assassini. E perché allora Vespa non può decidere di ascoltare Salvo Riina? Per quale ragione a decidere chi intervista chi deve essere la Commissione Antimafia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com