Home / Delitti / Cold case / Dariusz Pawel Kotwica, il serial killer che girava l’Europa per uccidere

Dariusz Pawel Kotwica, il serial killer che girava l’Europa per uccidere

Sospettato di aver ammazzato in sei Paesi diversi, Dariusz Pawel Kotwica ha attirato l’attenzione delle polizie di mezza Europa. Ultima, la Gran Bretagna, che ha riaperto diversi coldcase

 

daniel pawel kotwica

 

Dariusz Pawel Kotwica potrebbe aver ucciso in sei Stati. Lui giura che gli piaceva torturare le vittime. Ma che a ordinargli di uccidere erano delle voci che sentiva nella testa

 

 

Sul cadavere dell’ultima vittima colpita a Vienna, Erna Hintermeir, 74 anni, ha inciso una scritta in latino: “tantum ergo”. Prima l’aveva torturata e violentata. Poi l’ha uccisa insieme al marito Gerhard, 75 anni.

Darius Pawel Kotwica, l’assasssino, di anni ne ha invece appena 29, ma ha messo in agitazione le polizie di mezza Europa. Arrestato l’8 giugno in Germania ed estradato in Austria, ha ammesso senza problemi il duplice omicidio. Anzi, ha detto che è stato un vero «piacere» torturare Erna. Ma anche che in fondo non è colpa sua: erano le voci nella testa che gli ordinavano di uccidere.

Succede. In Italia il caso più feroce di serial killer delle “voci” è stato il tunisino Ben Ezzedine Sebai, diventato noto come serial killer delle vecchiette. Anche lui nella testa aveva un gran frastuono. Meno comune è il fatto che Dariusz abbia colpito in più Stati. Si pensa addirittura sei, cosa che nessun altro serial killer ha mai fatto. Non che non ci siano serial killer itineranti. Ad esempio, Happy Face Killer, camionista, ha ammazzato in più luoghi dell’America, e che è stato sospettato – ipotesi poi smentita – di essere stato anche l’omicida di Ylenia Carrisi. Un altro fu James Edward Christian, che colpì nel 1970 in Canada e negli Stati Uniti. Pendolare, ammazzò e mutilò tre ragazze. Jack Wayne Reeves,  uccise un uomo in Italia durante una discussione, sparandogli. Uscito di galera dopo soli quattro mesi per via di un’accusa da omicidio pretereintenzionale, e che dunque non richiedeva una stretta custodia, tre anni più tardi tornò nella sua America e assassinò le sue due mogli. Battezzato novello Barbablu, nel 1994 ha preso due ergastoli. Il serial killer itinerante nella sola Europa è invece meno comune. L’egiziano Ibrahim Allam si mosse a cavallo tra la Germania – Paese in cui era emigrato all’età di quindici anni -, l’Austria e la Francia. Accadde tra il 1977 e il 1984 e le sue vittime furono tutti maschi. Poi ci fu Michel Peiry, alias il “sadico di Romont”, attualmente in Svizzera a scontare l’ergastolo. Uccise nella Svizzera francese, nell’ex Jugoslavia e in Florida. Omosessuale, come Jesperson – ossia Happy Face Killer –  dava passaggi in auto alle vittime, sempre maschi, per poi portarli in luoghi isolati, legarli, sodomizzarli e bruciarli vivi. Per evitare di sentirne le urla, indossava cuffie e metteva musica nello stereo a volume molto alto.

Visita la sezione Underground di Gqitalia.it – GUARDA

Ma Dariusz Pawel Kotwica potrebbe essere il primo ad aver colpito in ben sei Stati. Ha già confessato di essersi lasciato alle spalle almeno un altro delitto a Goteborg, Svezia, dove il 23 aprile scorso venne ritrovato riverso nella cucina della propria abitazione il cadavere di Bo Georg Ehrlander, 79 anni. Non sa se sia morto un uomo che ferì a Salisburgo nel 2012, durante una rapina. Né sa che fine abbiano fatto le persone che aggredì in Olanda l’anno precedente. Si è assunto la responsabilità di una rapina in Germania e si indaga su un coldcase nella Repubblica Ceca. Infine l’Inghilterra ha chiesto di accedere ai dati del suo dna, archiviati nel database costituito col trattato di Prum (che unisce i dati delle persone condannate in Austria, Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi e Spagna) per riaprire alcuni casi irrisolti.

Edoardo Montolli per Gqitalia.it

Tutti i libri di Edoardo Montolli – GUARDA

Chi è Edoardo Montolli

Edoardo Montolli, giornalista, è autore di diversi libri inchiesta molto discussi. Due li ha dedicati alla strage di Erba: Il grande abbaglio e L’enigma di Erba. Ne Il caso Genchi (Aliberti, 2009), tuttora spesso al centro delle cronache, ha raccontato diversi retroscena su casi politici e giudiziari degli ultimi vent'anni. Dal 1991 ha lavorato con decine di testate giornalistiche. Alla fine degli anni ’90 si occupa di realtà borderline per il mensile Maxim, di cui diviene inviato fino a quando Andrea Monti lo chiama come consulente per la cronaca nera a News Settimanale. Dalla fine del 2006 alla primavera 2012 dirige la collana di libri inchiesta Yahoopolis dell’editore Aliberti, portandolo alla ribalta nazionale con diversi titoli che scalano le classifiche, da I misteri dell’agenda rossa, di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti a Michael Jackson- troppo per una vita sola di Paolo Giovanazzi, o che vincono prestigiosi premi, come il Rosario Livatino per O mia bella madu’ndrina di Felice Manti e Antonino Monteleone. Ha pubblicato tre thriller, considerati tra i più neri dalla critica; Il Boia (Hobby & Work 2005/ Giallo Mondadori 2008), La ferocia del coniglio (Hobby & Work, 2007) e L’illusionista (Aliberti, 2010). Dirige la casa editrice Algama (www.algama.it).

Leggi anche

Bruno Vespa non avrebbe dovuto intervistare Salvo Riina? E perché mai?

Enzo Biagi intervistò Liggio. C’è chi ha intervistato i peggiori assassini. E perché allora Vespa non può decidere di ascoltare Salvo Riina? Per quale ragione a decidere chi intervista chi deve essere la Commissione Antimafia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi