Home / Lifestyle / L’identificazione con l’io: la porta dell’inferno

L’identificazione con l’io: la porta dell’inferno

PEG_5417

 

Si sa da millenni, si sa fin dalle antiche civiltà, ma saperlo non basta.

Pensare di essere una persona significa pensare di essere scollegati dal resto dell’universo, quando invece se fa completamente parte.

Credere di essere una persona significa creare un io capace di avere una sete di potere e ricchezza incolmabili.

Essere convinti che quell’io sia davvero reale significa accecare la coscienza e metterla a servizio di un’illusione.

Le conseguenze saranno catastrofiche non solo per il singolo individuo ma per tutta l’umanità.

Immaginare di essere troppo piccoli per poter partecipare al cambiamento globale a favore di una nuova umanità significa già essere intrappolati in quell’io, significa aver già spalancato le porte dell’inferno.

Dante aveva posto il girone degli ignavi proprio alla soglia dell’inferno. E quel girone era il più ampio  proprio come se fosse un collettore, un imbuto destinato a poter accogliere il maggior numero di anime.

Essere un individuo “sanza infamia e sanza lodo, non significa essere un individuo tutto sommato innocuo.

Un individuo “sanza infamia e sanza lodo” è un individuo che spalanca inconsciamente le porte dell’inferno a tutta l’umanità.

E quell’inferno non è al di là di questa esistenza. Quell’inferno è qui, ora e i fatti di violenza, morte e povertà lo testimoniano ogni giorno.

Oggi il cosiddetto occidente trema, ma dov’erano gli individui del cosiddetto occidente, quando i popoli del cosiddetto terzo mondo soffrivano le pene dell’inferno?

Illuminare il proprio pensiero con la luce del cuore vuol dire diventare spirituali.

Essere individui spirituali significa essere individui che obbediscono alla coscienza, non servi del proprio ego.

La mente umana può essere un buon servitore e di certo è un pessimo padrone.

Trascorrere la propria esistenza nell’identificazione con l’ego significa attuare un crimine contro noi stessi, contro l’intera umanità e contro madre terra.

Diventare individui sottomessi alla coscienza significa diventare individui finalmente liberi.

 

Ajad Akaam

Tutti i libri di Ajad Akaam – GUARDA

Chi è Ajad Akaam

Ajad Akaam significa “libero dai desideri”. Il suo vero nome è Daniele G. Genova e fino a qualche anno fa era un brillante scrittore di noir. E un abile investigatore privato. Con l’arrivo della crisi economica ha perso tutto: lavoro, casa e famiglia. Dopo aver pensato al suicidio, una mattina si è risvegliato. E ha riso per otto ore, cambiando completamente e lasciandosi alle spalle il peggio e perfino il proprio nome. Da allora fa il contadino. Per aiutare gli altri a superare i problemi quotidiani ha iniziato a raccontare le sue massime su come vivere meglio. Presto sono nati su Facebook ben sette gruppi di fans. A febbraio 2015 esce in libreria con “Il miracolo sei tu”, edito da Cordero. I ricavati andranno in beneficenza.

Leggi anche

Come vivere meglio / Ajad: “Non pensare al passato. Non pensare al futuro”

COME VIVERE MEGLIO/ E’ molto semplice amica mia. Non entrare nella trappola: il passato non esiste più, il futuro non esiste ancora. Se pensi al passato potresti imbatterti nella nostalgia o nei sensi di colpa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi