Home / Delitti / Le ultime bufale sulla strage di Erba, pubblicate da Libero

Le ultime bufale sulla strage di Erba, pubblicate da Libero

olindorosa-web

 

Mi segnalano un’intervista di Alessandro Milan a un perito fonico, Alessandra Monasta. Nell’intervista la donna sostiene di essersi occupata, per quanto giovanissima rispetto ai casi di cui parla (46 anni) di Pacciani e delle vicende del mostro di Firenze. Della strage dei Georgofili, di aver aver analizzato la voce di Brusca e di aver intercettato diversi politici.

Si tratta di casi dei quali mi sono spesso occupato e, a dirla tutta, di questo perito non avevo mai sentito parlare. Possibile che mi fosse sempre sfuggito?

Ho scoperto di non essere l’unico: nell’archivio dell’Ansa, che risale fino al 1980, nonostante si tratti di processi enormi, non c’è una sola notizia di agenzia che riguardi non dico una perizia di Alessandra Monasta, ma che neppure ne citi il nome. Niente. Provo nei notiziari regionali, faccio una ricerca solo per cognome. Assente.

Finisse lì, amen. Il fatto è che l’articolo di Libero si intitola La donna che ha incastrato Rosa e Olindo: vi spiego come ho fatto.

L’argomento mi interessa particolarmente, dato che alla vicenda ho dedicato due volumi piuttosto noti e critici, nonché uno speciale coi documenti originali dell’inchiesta tuttora online sul sito del settimanale Oggi, quando mi stancai di sentire e leggere un sacco di fesserie narrate sulla vicenda.

 

Resto così stupito nel leggere un passaggio a dir poco grottesco. Questo:

 

Lei ha risolto un aspetto cruciale anche nel processo di appello a Rosa e Olindo, vale a dire la strage di Erba.
«Mi ha contattato l’ avvocato della parte civile durante l’ appello. Andava resa udibile la dichiarazione fatta dal teste chiave, Mario Frigerio, quando si sveglia in ospedale, sotto morfina, con la gola tagliata e indica il colpevole dicendo “Olindo”. Le sue parole erano state raccolte con un registratore ambientale ed erano pronunciate con dolore e fatica. Quelle parole, in appello, erano state messe in discussione. Io ho reso udibile questa intercettazione dimostrando che Frigerio pronunciava la parola “Olindo” esattamente in quella musicalità e con quel modo particolare di pronunciare le vocali. Questa mia perizia è diventata decisiva per la condanna».

 

Andiamo per gradi. Al processo di appello NON si è mai discusso in aula di alcuna perizia fonica di Alessandra Monasta. Quand’anche questa perizia esistesse, ed è qui il bello, la sentenza d’appello ha sancito esattamente l’opposto di quanto sostenuto nell’articolo. Figuriamoci se è stata decisiva.

A beneficio del giornalista Alessandro Milan giova ricordare alcuni passaggi:

1)      Fu nel processo di primo grado a Como che l’audio “è stato uscendo” pronunciato dal superstite Mario Frigerio diventò “è stato Olindo”, per quanto nessun perito fonico – di accusa, del tribunale e della difesa-  avesse MAI sentito quella frase. La “scovò” l’ipod di un giudice a latere. Il processo si concluse così, grazie alla prova nuova.

2)      Nel processo d’appello, CONTRARIAMENTE a quanto sostiene la signora Monasta, evidentemente poco informata sul caso, i giudici pur condannando Olindo e Rosa, ESCLUSERO l’audio in questione, sostenendo che molto probabilmente l’audio era stato modificato “involontariamente” da “uscendo” a “Olindo” a causa dell’amplificazione di un programma denominato Cool Edit 2000.

Prendersi due informazioni, prima di fare un’intervista e spararle grosse, sarebbe utile. Al lettore, intendo.

Edoardo Montolli 

Tutti i libri di Edoardo Montolli – GUARDA

Il boia di Edoardo Montolli su Kindle – GUARDA

 

 

 

 

Chi è Edoardo Montolli

Edoardo Montolli, giornalista, è autore di diversi libri inchiesta molto discussi. Due li ha dedicati alla strage di Erba: Il grande abbaglio e L’enigma di Erba. Ne Il caso Genchi (Aliberti, 2009), tuttora spesso al centro delle cronache, ha raccontato diversi retroscena su casi politici e giudiziari degli ultimi vent'anni. Dal 1991 ha lavorato con decine di testate giornalistiche. Alla fine degli anni ’90 si occupa di realtà borderline per il mensile Maxim, di cui diviene inviato fino a quando Andrea Monti lo chiama come consulente per la cronaca nera a News Settimanale. Dalla fine del 2006 alla primavera 2012 dirige la collana di libri inchiesta Yahoopolis dell’editore Aliberti, portandolo alla ribalta nazionale con diversi titoli che scalano le classifiche, da I misteri dell’agenda rossa, di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti a Michael Jackson- troppo per una vita sola di Paolo Giovanazzi, o che vincono prestigiosi premi, come il Rosario Livatino per O mia bella madu’ndrina di Felice Manti e Antonino Monteleone. Ha pubblicato tre thriller, considerati tra i più neri dalla critica; Il Boia (Hobby & Work 2005/ Giallo Mondadori 2008), La ferocia del coniglio (Hobby & Work, 2007) e L’illusionista (Aliberti, 2010). Dirige la casa editrice Algama (www.algama.it).

Leggi anche

Bruno Vespa non avrebbe dovuto intervistare Salvo Riina? E perché mai?

Enzo Biagi intervistò Liggio. C’è chi ha intervistato i peggiori assassini. E perché allora Vespa non può decidere di ascoltare Salvo Riina? Per quale ragione a decidere chi intervista chi deve essere la Commissione Antimafia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi