Home / Italia / Pierdante Piccioni, il medico che ha “perso” 12 anni di memoria: «Pensai di spararmi»

Pierdante Piccioni, il medico che ha “perso” 12 anni di memoria: «Pensai di spararmi»

In un’intervista al settimanale OGGI, in edicola dall’11 marzo, Pierdante Piccioni, il medico andato in coma e ha “cancellato” gli ultimi 12 anni della sua vita, ricorda i giorni del dramma: “Non ricordo le parole che mia madre mi disse prima di morire”

 pierdante piccioni

SPECIALE- Come difendersi nei casi di incidenti stradali. I consigli dell’avvocato Domenico Musiccco

 

Andò in coma nel 2013 a causa di un incidente stradale. Al risveglio ha “perso” gli ultimi dodici anni di vita.  Ora Pierdante Piccioni è riuscito a tornare a lavorare. Ma è stata durissima. «Ero in un incubo – ricorda al settimanale Oggi-  un buco nero. Tu non riesci a metterti in relazione con nulla, ogni cosa mi faceva sentire uno straniero, fuori tempo e fuori luogo. Mi sono visto allo specchio e quasi svenivo. Non mi riconoscevo più… Per sei mesi non ho detto una parola. Mi sentivo veramente un disabile…».

 

NIENTE COME PRIMA

E ancora: «Quella sensazione di estraneità che provi è terribile. Guardi fuori dalla finestra e niente è come prima. Ci sono un mucchio di rotonde sulle strade, che prima non c’erano. Le macchine sono diverse, ci sono tutte queste little car, le Smart, le Citroen, la Fiat che ha rifatto la 500. Mi posso aggiornare fin che voglio, mi posso abituare, ma ci sono delle cose che ancora adesso so che non recupererò più. Le emozioni. Le parole che mi ha detto mia madre prima di morire. La gioia che ho provato quando mio figlio più grande ha compiuto 18 anni. Dopo la morte di mio padre, ho pensato davvero di togliermi di mezzo. Cosa ci sto a fare qui? Il mio mondo forse è un altro, ho pensato. Mi sparo un colpo e torno da dove sono venuto».

 

LA MOGLIE PSICOLOGA

A fargli cambiare idea, confida il dottor Piccioni «è stata mia moglie. Lei è una psicologa. Mi ha detto solo: vedi tu se ne vale la pena. Mi sono detto: è vero. Non ne vale la pena. Perché io avevo un obiettivo. Volevo dimostrare a quelle persone che mi trattavano come un disabile che non lo ero. Può darsi che la lotta sia nel Dna dell’uomo. Io ho imparato che le difficoltà aiutano e che nelle difficoltà tu puoi tirare fuori il meglio di te».

 

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

I migliori temi wordpress per magazine del 2017

Ecco i migliori temi per costruire un giornale online: dai più funzionali ai più curiosi, fino ai più completi e venduti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi