Home / News / La donna che sussurrava a Matteo Renzi le frasi giuste. Ma non la pagavano

La donna che sussurrava a Matteo Renzi le frasi giuste. Ma non la pagavano

 

ANDREA MARCOLONGO

Matteo Renzi aveva iniziato il semestre di presidenza Ue con la citazione della generazione Telemaco; lo ha chiuso a Strasburgo con l’Ulisse di Dante e il suo «fatti non foste a viver come bruti». Chi glielo avrà suggerito?

Un deputato guadagna 166mila euro l’anno: la Camera ci costa quasi cento milioni l’anno – LEGGI

Panorama rivela che il premier fino a poco tempo fa si è servito di una ghost-writer: si chiama Andrea Marcolongo, è nata nel 1987 a Milano, e a dispetto del nome è una donna,grecista e allieva della Scuola Holden di Alessandro Baricco.

 I segreti del giovane Renzi- LEGGI

 Qualche settimana fa, delusa e non pagata, Marcolongo (che ha lavorato per presidente del Consiglio dal 2013) ha però inviato una mail di congedo a Matteo. «Non sono mai stata pagata, a parte una mensilità» dice la donna a Panorama, anche se precisa che non è per i soldi che se n’è andata. «Eravamo tutti così. Viaggi a Roma e lavori mai pagati, so di persone che si sono indebitate e sono andate dallo psicologo perché distrutti dalle promesse». Nonostante tutto, però, «è stato un lavoro bellissimo, ero libera di scrivere tutto quello che volevo».

La carriera lampo di Matteo Renzi dirigente e 200 mila euro di Tfr

 

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

Termometro: Italia terza a Strasburgo per i ricorsi sulle violazioni dei diritti umani

I ricorsi contro l’Italia, per le violazioni dei diritti dell’Uomo, continuano ad intasare la Corte …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi