Home / Delitti / DELITTO DI PERUGIA/ Un fotogramma potrebbe fornire un alibi ad Amanda Knox

DELITTO DI PERUGIA/ Un fotogramma potrebbe fornire un alibi ad Amanda Knox

Il fotogramma di una telecamera di sicurezza potrebbe fornire un alibi ad Amanda Knox per il delitto di Meredith Kercher. Fa parte di un filmato mai visto

 

Nell’inchiesta per l’omicidio di Meredith Kercher c’è un dvd inspiegabilmente trascurato. Contiene i 2.068 file realizzati il 1° novembre 2007 dalla telecamera di sorveglianza, piazzata all’ingresso del parcheggio Sant’Antonio di Perugia. Questa telecamera non inquadra solo l’entrata del parcheggio ma, al di là della strada, lascia intravedere anche il cancello d’ingresso alla casa di via Della Pergola. [break]

Cold case: quante donne in attesa di giustizia? – LEGGI [break]

NULLA DI RILEVANTE? FORSE- Concluso il suo lavoro, la Scientifica, nella relazione consegnata alla Procura, non segnalò niente di rilevante. Eppure, come mostrato dal settimanale OGGI, ci sono delle immagini inquietanti,  scattate poco prima delle 22, che sono sfuggite agli occhi degli inquirenti. Fotogrammi molto nitidi, nei quali i passanti ripresi tra le 21.31 e le 21.52, superata la sbarra d’ingresso, hanno la stessa reazione: si fermano e si voltano a guardare verso sinistra, verso l’ingresso del parcheggio, cioè verso la casa di Meredith. Perché? Cosa ha attirato la loro attenzione? Cosa stava succedendo in quei minuti? Perché queste persone non sono state identificate e interrogate? [break]

I grandi gialli che hanno diviso l’Italia, tutti finiti con inesorabili condanne. Tutti colpevoli? – LEGGI [break]

IL FOTOGRAMMA- Nell’articolo pubblicato da OGGI c’è poi un fotogramma particolarmente interessante. Mostra una ragazza con la borsa a tracolla e un’aria tranquilla che ha superato la sbarra d’ingresso del parcheggio, dal quale si può raggiungere il centro della città. Se fosse Amanda, questo fotogramma dimostrerebbe che ha mentito dicendo di non aver mai lasciato la casa di Sollecito, ma diventerebbe il suo alibi. [break]

Amanda: “Penso che Guede abbia agito da solo”- LEGGI [break]

L’ALIBI DI AMANDA- A fornirglielo è l’orario indicato dalla stessa telecamera: le 20.53. In realtà l’ora esatta è un’altra, le 21.05 perché quell’orologio era sempre indietro di 12 minuti. Ma la studentessa inglese è stata uccisa fra le 21 e le 22.30. Lo ha stabilito l’ultima sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Firenze. Amanda quindi si starebbe allontanando da quella casa cinque minuti dopo il ritorno di Meredith. Per questa ragione non può aver partecipato all’omicidio, essersi ripulita e lavata e raggiungere piazza Grimana dove poi il clochard-testimone Antonio Curatolo la noterà, in compagnia di Raffaele, dalle 21.30 alle 23.30. Per accusarla ancora una volta bisognerebbe spostare l’ora del delitto.

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

Sherlock Holmes, Padre Brown, Charlie Chan: la nuova serie di romanzi!

Gli apocrifi di Sherlock Holmes, Padre Brown e Charlie Chan in una nuova serie di avventure fulminanti scritte per Algama da Rino Casazza, tra le firme di punta di Fronte del Blog. Ecco la sua intervista integrale rilasciata a Libero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi