Home / Motori / Story/ Le barchette del Tridente

Story/ Le barchette del Tridente

Le Barchette del Tridente sono oggi affascinanti vetture da collezione. Ma, all’epoca, le più temibili avversarie delle “rampanti” Ferrari che, sotto la ferrea guida del Drake, volevano sfondare nel mondo delle corse, settore nel quale proprio le Maserati si erano da tempo costruite una solida posizione. Occorre dire che le pri­me sfide tra Enzo Ferrari e i fratelli Maserati risalgono addirittura a prima della guerra. [break]

61-Maserati_Tipo-63

ENZO FERRARI PILOTA– Nel 1926 si fronteggia­rono la squadra corse dell’Alfa Romeo di cui Enzo Fer­rari era pilota, e la Maserati, fondata pochi anni prima a Bologna. La Scuderia Ferrari gareggiava inizialmen­te con vetture costruite dall’Alfa Romeo a Milano e pre­parate a Modena, mentre la Maserati era dall’origine una vera e propria azienda costruttrice, benché di mo­deste dimensioni. Le macchine che portavano in corsa l’emblema del Tridente venivano infatti realizzate inte­ramente nella fabbrica bolognese. [break]

LA MASERATI RILEVATA– Nel 1938 Adolfo Orsi rilevò la Maserati e decise di trasferirla nella stessa cit­tà della Ferrari, portando la competizione da un livello esclusivamente sportivo, ad uno più ampio, territoriale e campanilistico. Nel 1947 la Ferrari divenne una vera casa costruttrice e le sue auto da corsa iniziarono ad imporsi nelle competizioni sia nazionali che in­ternazionali. Negli anni Cinquan­ta, l’elenco delle vittorie Ferrari si allungò sempre di più, ma le Ma­serati restarono protagoniste: sul podio, se non andavano i piloti del Cavallino, c’erano quelli del Triden­te. [break]

Le più belle Maserati, nuove e usate, oggi in vendita in ItaliaGUARDA [break]

IL RISPETTO DI FERRARI– Svariate testimonianze riporta­no, in forma più o meno diretta, il rispetto e l’importanza che Enzo Ferrari riservava alla Maserati e ai suoi uomini. Non li citava mai per nome, li chiamava “quelli là in fondo”, locuzione che traeva origine da una precisa ragione topografica: mentre la Scuderia Ferrari aveva preso sede a Modena in una posi­zione centrale, all’incrocio con la via Emilia, la Maserati, trasferita da Bologna, si trovava in uno stabi­limento più in periferia, all’incro­cio con la strada per Nonantola. La lotta in campo sportivo proseguì più accanita che mai e benché l’al­bo d’oro del Cavallino fosse via via più pingue per numero e prestigio di affermazioni, quello del Tridente non era da meno. Come se non ba­stasse la competizione sui campi di gara, emerse anche la concorrenza nella produzione delle vetture Gran Turismo, destinata a rimanere nel tempo il solo elemento di rivalità. [break]

IL RITIRO– Nel 1957, infatti, la Maserati decise il ritiro dalle corse. Tornando al pe­riodo d’oro, le due Case modenesi si spartirono equamente pure i ric­chi clienti che amavano utilizzare le prestigiose Barchetta anche per cimentarsi nelle numerose compe­tizioni in pista e su strada che si svolgevano in quegli anni. I rego­lamenti agonistici e le permissive norme del Codice della Strada consentivano, di fatto, di correre con la stessa vettura sportiva con cui si poteva andare a spasso. Ciò favorì la nascita e l’affermazione di una nuova schiera di piloti, giustamen­te chiamati in inglese gentlemen drivers o “guidatori gentiluomini”, che, in un mondo delle corse in cui pubblicità e sponsor erano ancora al di là da venire, sovvenzionavano sostanzialmente le Case costruttrici come Fer­rari e Maserati, commissionando loro vetture da competizione. I più talentuosi finivano poi per rappre­sentare ufficialmente il marchio. [break]

MASERATI OGGI– Nacquero così indiscussi capolavo­ri di tecnica e stile, ma anche la gioia dei Gentlemen Collectors di oggi, che li hanno riportati all’antico splen­dore non disdegnando di utilizzarli nelle più celebri rievocazioni sto­riche. Testimonianze di un’epoca unica e irripetibile, vera età dell’oro per l’auto sportiva e le passioni che ha saputo generare.

Chi è Gentleman Collector

Nato nel 2011, Gentleman Collector è il primo maschile che ha come filo conduttore i collezionisti di motori. Sono loro a raccontare le proprie passioni: auto, moto, mezzi militari, orologi, sigari, penne, armi... all'insegna dello stile e del vivere di gusto. A dirigerlo è Enzo Caniatti, per anni alla guida di Tuttomoto e Gente Motori e già fondatore di Legend Bike. In ogni numero le migliori collezioni del mondo, le auto e le moto più preziose nuove ed antiche, gli eventi, i musei introvabili e i segreti che hanno caratterizzato e caratterizzano la storia dei motori. Attualmente è in restauro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi