Home / società / Il metronotte Zanfretta: “Io, rapito dagli alieni dodici volte”

Il metronotte Zanfretta: “Io, rapito dagli alieni dodici volte”

 

Sono le 23.45 del 6 dicembre 1978 quando, a Marzano di Torriglia (Genova), Piero Fortunato Zanfretta, mentre è di piero fortunato zanfrettaturno come metronotte, vive un’esperienza che gli cambia la vita. [break]

Cosa successe, esattamente, quella notte?

«Fui vittima di un vero e proprio rapimento messo in pratica da esseri strani, alieni! Ci tengo a precisare che non ho mai creduto ai marziani e anzi ho sempre preso per i fondelli le persone che raccontavano di averli visti…». [break]

E invece, quella sera…

«Per completare il giro mi mancavano soltanto due ville, quando notai che attorno a una di queste c’erano quattro luci. Corsi verso la macchina per lanciare l’allarme intrusi, ma all’improvviso si spensero tutte le altre luci della vallata, comprese quelle della macchina». [break]

SPECIALE TESTIMONIANZE SUGLI ALIENI- LEGGI

E tu come reagisti?

«Presi il microfono della radio di servizio e chiamai la centrale operativa. All’improvviso una fortissima spinta mi fece cadere e rotolare sul prato. A quel punto vidi due enormi piedi. Alzai la torcia e c’erano questi due esseri verdi, alti tre metri». [break]

Cosa accadde a quel punto?

«Questi due esseri mi presero per le braccia e una luce verde scese da un enorme disco che ci trascinò su. Una volta a bordo mi portarono in una stanza. Mi legarono su un letto e dal tetto venne calato un macchinario di vetro trasparente dotato di sei punte cilindriche che mi bucarono le gambe, i fianchi e le spalle. A quel punto gli esseri si allontanarono e in qualche modo mi liberai, riuscendo a uscire dal disco volante». [break]

Cosa accadde dopo?

«Dopo mezz’ora arrivarono alcuni miei colleghi: risero ascoltando il mio racconto». [break]

Hai incontrato altre volte gli alieni?

«Sì, altre 11 volte. E la mia vita è un incubo». [break]

Valeria Sorli per Vero  

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

FACE YOUR PHANTOMS: le metamorfosi di Andrea G. Pinketts

Le opere di Alexia Solazzo e gli incipit dei racconti di Andrea G. Pinketts avranno un futuro letterario in un libro d’arte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi