Home / Delitti / Cold case / In Italia quasi 30mila scomparsi. La Sciarelli: «Li cercano male»

In Italia quasi 30mila scomparsi. La Sciarelli: «Li cercano male»

 

federica-sciarelli--chi-l-ha-vistoOltre 29mila scomparsi, di cui 10mila italiani, 3124 persone in più rispetto a due anni fa. Ventimila casi dal 2012 al 2014, 13286 i minorenni spariti. Sono questi i numeri allarmanti sulle persone svanite nel nulla secondo il commissario straordinario per le persone scomparse, il prefetto Vittorio Piscitelli. Numeri che lasciano davvero sgomenti, anche di fronte ai molti casi che la cronaca di tutti i giorni mette davanti ai nostri occhi, perché è come se una città intera svanisse nel nulla da un giorno all’altro. I motivi delle scomparse sono tanti, anche se poi, al primo posto di questa classifica il prefetto ha detto che ci sono gli allontanamenti volontari, di persone presto ritrovate. [break]

SCOMPARSI E ALLONTANAMENTI VOLONTARI– Per fare chiarezza abbiamo sentito Federica Sciarelli, che dall’osservatorio privilegiato di “Chi l’ha visto?” riesce a muoversi agevolmente su queste cifre: «Guarda, una cosa sono gli allontanamenti volontari e un’altra le persone scomparse. Se uno è maggiorenne e si allontana non è affatto scomparso. Se ne è semplicemente andato. E questo per essere precisi. Perché una persona non scompare mai, o quasi, volontariamente. Da quando sono a Chi l’ha visto? quelli che se n’erano andati volontariamente sono stati 4, forse 5. Tipo un ragazzo, andatosene a Roma a fare il pittore sul Tevere perché gli andava così, senza dare spiegazioni a nessuno. Gli scomparsi sono una cosa diversa. E il vero problema è come li cercano, perché se le procedure per trovarli scattassero subito, molto probabilmente il loro numero diminuirebbe. Elisa Claps, ad esempio, l’hanno data in giro per il mondo per 17 anni, invece era stata uccisa e lasciata nella chiesa, o meglio sul tetto, in cui aveva detto di avere un appuntamento con Danilo Restivo».[break]

Si sottovaluta la questione scomparsa, secondo te?

«Il fatto è che la gente si rivolge a noi perché quando fa denuncia di scomparsa, anche per persone malate o che non avevano alcun motivo di allontanarsi, spesso si sente rispondere di aspettare 48 ore prima di allarmarsi, perché magari si tratta di allontanamenti volontari. Invece quasi mai è così e 48 ore sono decisive per ritrovarle. E poi c’è quanto succede negli ultimi due anni…»[break]

Cioè?

«Molti uomini tra i 30 e i 50 anni, stritolati dalla crisi economica, se ne vanno di casa lasciando spesso anche un biglietto alla famiglia piuttosto inquietante. È gente che purtroppo poi scopriamo che si suicida. Ecco, queste persone le vogliamo considerare persone che si sono allontanate volontariamente? Mi pare improbabile. D’altronde, scomparire “volontariamente” oggi è praticamente quasi impossibile con tutte le tecnologie e le telecamere esistenti in giro per il Paese».[break]

Il prefetto sostiene anche che siano oltre tredicimila i minorenni spariti, tra cui tantissimi stranieri.

«In realtà i minori che spariscono davvero sono pochissimi e sono quelli di cui parliamo nelle nostre trasmissioni. Possono essere molti al limite i minori che vengono sottratti da uno dei genitori all’altro nel corso di una separazione, ma si tratta di situazioni diverse. Sugli stranieri è più difficile fare stime. A volte, quando escono numeri del genere, qualcuno favoleggia di teorie su fantomatici traffici d’organi. Ma, una volta per tutte lo dico: si tratta di fesserie. La verità è che spesso gli stranieri arrivano in Italia, vengono censiti, ma poi finiscono all’estero, perché vanno in cerca di altri posti più ricchi e in cui abbiano la possibilità di sopravvivere. Poi, certo, ci sono ovviamente anche gli appelli per i naufragi dei migranti e i bimbi scomparsi nel nulla. Ma purtroppo va anche presa in considerazione la possibilità che si tratti di dispersi in mare». [break]

Il commissario Piscitelli ha lanciato anche la proposta di un geolocalizzatore per rintracciare i malati di Alzheimer e chi soffre di disturbi mentali.

«È l’idea del braccialetto elettronico di cui si discute da anni. I famigliari dei malati di Alzheimer che sono sempre di più dato che la popolazione anziana è in crescita, sono realmente disperati. Capita spesso che si allontanino e muoiano di fame, freddo o sete ad una manciata di chilometri da casa perché incapaci di ricordare dove abitano. Tuttavia c’è il noto problema inerente la privacy: non è che il malato è un detenuto che tu puoi imporlo, un localizzatore. Perché magari non vuole. Si potrebbe fare in modo che un medico evidenzi loro la possibilità di scegliere, eventualmente e liberamente questa soluzione, che certamente farebbe dormire più sereno chi sta loro intorno. Ma non è detto che sia accettata».

Edoardo Montolli

Tutti i libri di Edoardo Montolli – GUARDA

Il boia di Edoardo Montolli su Kindle – GUARDA

 

 

Chi è Edoardo Montolli

Edoardo Montolli, giornalista, è autore di diversi libri inchiesta molto discussi. Due li ha dedicati alla strage di Erba: Il grande abbaglio e L’enigma di Erba. Ne Il caso Genchi (Aliberti, 2009), tuttora spesso al centro delle cronache, ha raccontato diversi retroscena su casi politici e giudiziari degli ultimi vent'anni. Dal 1991 ha lavorato con decine di testate giornalistiche. Alla fine degli anni ’90 si occupa di realtà borderline per il mensile Maxim, di cui diviene inviato fino a quando Andrea Monti lo chiama come consulente per la cronaca nera a News Settimanale. Dalla fine del 2006 alla primavera 2012 dirige la collana di libri inchiesta Yahoopolis dell’editore Aliberti, portandolo alla ribalta nazionale con diversi titoli che scalano le classifiche, da I misteri dell’agenda rossa, di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti a Michael Jackson- troppo per una vita sola di Paolo Giovanazzi, o che vincono prestigiosi premi, come il Rosario Livatino per O mia bella madu’ndrina di Felice Manti e Antonino Monteleone. Ha pubblicato tre thriller, considerati tra i più neri dalla critica; Il Boia (Hobby & Work 2005/ Giallo Mondadori 2008), La ferocia del coniglio (Hobby & Work, 2007) e L’illusionista (Aliberti, 2010). Dirige la casa editrice Algama (www.algama.it).

Leggi anche

Bruno Vespa non avrebbe dovuto intervistare Salvo Riina? E perché mai?

Enzo Biagi intervistò Liggio. C’è chi ha intervistato i peggiori assassini. E perché allora Vespa non può decidere di ascoltare Salvo Riina? Per quale ragione a decidere chi intervista chi deve essere la Commissione Antimafia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi