Home / Italia / Il cellulare può essere cancerogeno. La prima causa contro il Ministero

Il cellulare può essere cancerogeno. La prima causa contro il Ministero

 

telefono cancroPer la prima volta viene intentata una causa contro il Ministero della Salute sul tema controverso dei telefoni cellulari. A rivolgersi al Tar del Lazio è stata l’associazione per la prevenzione e la lotta all’elettrosmog A.P.P.L.E., con l’obiettivo di spingere il Governo a far partire una campagna informativa sui rischi inerenti all’uso dei telefonini. [break]

IL PRECEDENTE FRANCESE- «C’è un punto fermo dal quale parte la nostra causa», dice Laura Masiero, presidente dell’associazione, «ed è l’annuncio fatto nel 2011 dall’Iarc di Lione, agenzia internazionale per la ricerca sul cancro. Un gruppo di lavoro di 31 scienziati provenienti da 14 Paesi ha classificato i telefoni cellulari come 2B, ovvero possibilmente cancerogeni». Il gruppo 2B, che comprende anche il caffè, racchiude quelle sostanze e quegli agenti non ritenuti al momento né cancerogeni probabili (gruppo 2A) né cancerogeni certi (gruppo 1). [break]

«Si tratta di un compromesso», spiega la Masiero, «tra gli studi indipendenti e quelli che vengono promossi dalle grandi aziende. Il fatto che oggi, dopo tante battaglie, si riconosca la possibilità del rischio cancro deve far riflettere». [break]

RISCHI DI TUMORE CON 2MILA ORE- Un utilizzo del cellulare o del cordless per duemila ore in dieci anni, pari a 30 minuti di telefonati al giorno, «aumenta di sei volte il rischio di un tumore», prosegue Masiero. Il problema, allora, secondo l’associazione è la mancanza di un’informazione adeguata: «Oggi i possibili rischi legati a un uso improprio di questi oggetti sono spiegati all’interno dei manuali», dice la Masiero, «ma nessuno li legge. Bisogna costringere i costruttori a scrivere in modo chiaro che i telefoni possono fare male». La questione è delicata: «Forse tra quindici anni si scoprirà che i cellulari non sono dannosi. Ma che cosa succederà se invece verrà accertato che causano tumori? Le conseguenze sarebbero devastanti. E allora perché, nel dubbio, non fare un po’ di prevenzione?», si chiede la Masiero. [break]

NO AI BIMBI- Meglio dunque evitare che ragazzini al di sotto di 14 anni abbiano un cellulare. Inoltre, è preferibile parlare attraverso gli auricolari con il filo o, meglio ancora, optare per una comunicazione via sms. È importante anche non tenere troppo a lungo il telefono in tasca né lasciarli la notte accanto al letto.

Manfredi Lamartina per Vero

 

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

Sherlock Holmes, Padre Brown, Charlie Chan: la nuova serie di romanzi!

Gli apocrifi di Sherlock Holmes, Padre Brown e Charlie Chan in una nuova serie di avventure fulminanti scritte per Algama da Rino Casazza, tra le firme di punta di Fronte del Blog. Ecco la sua intervista integrale rilasciata a Libero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi