Home / Italia / Garattini: “Cannabis? Temo un pasticcio”

Garattini: “Cannabis? Temo un pasticcio”

 

CannabisL’autorizzazione all’uso della cannabis per la terapia di alcune malattie, secondo le indicazioni della Regione Abruzzo autorizzate dal governo, rischia di finire in un pasticcio all’italiana. Lo sostiene il farmacologo Silvio Garattini, che nella sua rubrica sul settimanale OGGI, in edicola dal 26 marzo. [break]

CHE NON SIA UNO SPINELLO– Scrive Garattini: «C’è da sperare che la disponibilità della cannabis non si riduca allo “spinello” e neppure a un prodotto erboristico, perché oggi sono stati selezionati vari ceppi con un contenuto di principio attivo, il tetraidrocannabinolo, che può oscillare dal 2 al 60 per cento, con evidenti differenze in termini di efficacia ma soprattutto di possibili effetti tossici». [break]

LA CANNABIS VALE SOLO PER L’ABRUZZO? – E pone due questioni, finora senza risposta: «Gli ammalati di altre Regioni devono adesso andare in Abruzzo per ottenere il prodotto o la legislazione di una Regione può valere anche per il resto d’Italia?». «Se è così cruciale avere a disposizione la cannabis e non c’è industria che voglia commercializzarla, perché non ricorrere all’Istituto Farmaceutico Militare di Firenze che è perfettamente attrezzato per la produzione dei farmaci?»

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

Sherlock Holmes, Padre Brown, Charlie Chan: la nuova serie di romanzi!

Gli apocrifi di Sherlock Holmes, Padre Brown e Charlie Chan in una nuova serie di avventure fulminanti scritte per Algama da Rino Casazza, tra le firme di punta di Fronte del Blog. Ecco la sua intervista integrale rilasciata a Libero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi