Home / News / Kevin Costner: “Non credo nel destino”

Kevin Costner: “Non credo nel destino”

kevin costner

«Ho sempre amato molto il cinema, ma ci sono anche altri aspetti della vita che mi interessano. In fondo sono un romantico, guardo sempre al passato e alla carriera di attori classici, come Gregory Peck, Gary Cooper, Spencer Tracy…». Kevin Costner, a 59 anni, torna al cinema alla grande, in “Jack Ryan – L’iniziazione” (in sala dal 20 marzo), al fianco di Chris Pine nei panni dell’analista della Cia: sarà poi in “3 Days to kill” e in “Draft Day”. Tutti film e ruoli di primo piano. E a “Io donna”, in edicola dal 22 febbraio, e su  iodonna.it (con una bella gallery) parla dei suoi ultimi progetti e della sua vita. «Più che nel destino credo nel fatto che ogni mattina ti devi alzare e darti da fare. Nessuno viene a bussare alla tua porta con un’offerta magica». Lui da fare se lo è sempre dato: «Un piccolo film e con gli indiani: ma dove hai la testa», lo rimproverava la moglie nel 1989, quando si era messo in testa di interpretare, dirigere e produrre “Balla coi lupi”, rinunciando al ruolo di protagonista di “Il tè nel deserto” di Bernardo Bertolucci e a quello di Jack Ryan in “Caccia a ottobre rosso”. Venne ripagato eccome (sette Oscar), altri tempi: in America le cose sono cambiate? «Penso ancora che l’America rappresenti la speranza per chi cerca di venire a viverci, ma non sono un ingenuo. Noi americani siamo spesso maldestri. Abbiamo un potere che a volte usiamo bene, a volte no». E ora è scattato l’amore per la Russia. «Sono stato a suonare con la mia band a San Pietroburgo e a Mosca. Sono stato a casa di Putin per un evento culturale. La gente è calda e affettuosa con me in Russia; quando cammino per strada e vedo i russi passeggiare a braccetto mi emoziono. Da noi questo non succede. Sono così ridicole tutte quelle barriere costruite tra un Paese e l’altro». Sogni nel cassetto? «Contribuire a risolvere il problema degli oceani e del loro inquinamento. È una questione di cui mi occupo da 25 anni, in cui ho investito parecchio denaro. Mia figlia ora lavora con me su questo fronte».

 

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

Sherlock Holmes, Padre Brown, Charlie Chan: la nuova serie di romanzi!

Gli apocrifi di Sherlock Holmes, Padre Brown e Charlie Chan in una nuova serie di avventure fulminanti scritte per Algama da Rino Casazza, tra le firme di punta di Fronte del Blog. Ecco la sua intervista integrale rilasciata a Libero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi