Home / Collectors / Jaguar C-X17, sogno per pochi

Jaguar C-X17, sogno per pochi

jaguar cx17 La C-X17 è stata creata come uno studio di de­sign per presentare la nuovissima architet­tura monoscocca di al­luminio Jaguar, deno­minata iQ[Al], sulla base della qua­le sarà sviluppata la gamma delle future vetture. Con una lunghezza di 4.718 mm e un’altezza di 1.649 mm, le dimensioni sono chiaramente quelle di una crossover, ma il design riprende alcuni stilemi tipici dell’attuale gamma. Per esempio, la calandra è un’evoluzione del frontale distintivo della lussuosa berlina XJ, mentre le linee scolpite della fiancata richiamano fortemente la sportiva F-Type. Un posizionamento ribassato della seduta e il profilo generale si uniscono ai cerchi in le­ga da 23” per donare alla C-X17 un aspetto sportivo e aggressivo, mentre i fari a LED, le luci di posizione a forma di J e i fendinebbia in vetro smerigliato inseriti nelle grandi prese d’aria frontali ne accentuano il ca­rattere deciso. L’auto è verniciata in Caesium Blue bril­lante, con cromatura nera lucida intorno ai finestrini, mentre i cerchi in lega a cinque razze sono in grafite Dark Atlas con finitura lucida nera. L’interno propone quattro sedili avvolgenti individua­li. L’esclusivo tetto è dotato di alette sagomate che offrono ai passegge­ri una caratteristica vista panora­mica “ellittica”. Due ulteriori sedili posteriori integrati nel pianale del bagagliaio fuoriescono in caso di necessità. Pensata per il tempo libero, cela nei vani por­taoggetti del bagagliaio una torcia e una telecamera. Il tunnel centrale che corre lungo la vettura dal cruscotto fino ai sedili posteriori, incorpora l’Interactive Con­sole Surface, una centrale d’infotainment interattivo multi-passeggero, dotata di una serie di schermi tattili racchiusi da un pannello in vetro acrilico trasparente che, insieme alla rete sicura wi-fi, consente ai passeg­geri di connettersi e di condividere le proprie esperien­ze reciprocamente e con il mondo esterno. La C-X17 dispone anche di tecnologie dinamiche all’avanguar­dia, come il Torque Vectoring by Braking, un sistema che controlla costantemente la dinamica del veicolo in curva e, quando richiesto, utilizza il sistema frenante in maniera intelligente per riequilibrare la distribuzio­ne della coppia motore sulle ruote, al fine di ridurre il sottosterzo e massimizzare l’aderenza.

 

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

Enzo Caniatti e i suoi dubbi: “Quei misteri sulla fine di Adolf Hitler”

Il giornalista e scrittore autore di diversi saggi sul Fuhrer e del thriller "Il signor Wolf" (Algama) in cui ipotizza la fuga di Hitler dal porto di Genova, svela tutti i suoi dubbi a Stop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com