Home / criminalità organizzata / SALVATORE BORSELLINO A «OGGI»: «MIA COGNATA AGNESE È STATA A LUNGO IN SILENZIO PER PROTEGGERE I SUOI FIGLI»

SALVATORE BORSELLINO A «OGGI»: «MIA COGNATA AGNESE È STATA A LUNGO IN SILENZIO PER PROTEGGERE I SUOI FIGLI»

Anticipazioni dal numero in edicola da mercoledì 8 maggio

oggi cover
«Mia cognata ha parlato solo dopo 17 anni. È rimasta in silenzio per proteggere i suoi figli. Non me lo ha mai detto esplicitamente ma spesso ripeteva strane frasi: “Se si sapesse tutto… ma non si può parlare perché questi si vendicano anche sui bambini”. Negli anni, le sue paure mi hanno fatto pensare a delle minacce».
Lo dichiara Salvatore Borsellino al settimanale OGGI, in edicola da mercoledì 8 maggio. Il fratello del magistrato ucciso in via D’Amelio parla della vedova del giudice, comparsa nei giorni scorsi, ma anche delle clamorose affermazioni del collaboratore di giustizia Gaspare Mutolo, secondo il quale il magistrato Giuseppe Ayala fu agganciato e condizionato dalla mafia.
«Anche a me Mutolo disse quelle cose. Ci siamo visti due volte, su sua richiesta… Mi ha detto di essere stanco di sentire Ayala definirsi “amico di Giovanni e Paolo” “Mi devo togliere la soddisfazione di dire in faccia ad Ayala quello che ha fatto. Sono pronto a un confronto pubblico con lui”. Le parole di Mutolo mi hanno sconvolto», dice Salvatore Borsellino a OGGI.

Non resta che attendere la replica di Ayala.

 

Chi è Fronte del Blog

Le news della Terza Repubblica

Leggi anche

Enzo Caniatti e i suoi dubbi: “Quei misteri sulla fine di Adolf Hitler”

Il giornalista e scrittore autore di diversi saggi sul Fuhrer e del thriller "Il signor Wolf" (Algama) in cui ipotizza la fuga di Hitler dal porto di Genova, svela tutti i suoi dubbi a Stop

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi