Home / News / I VAMPIRI ESISTONO. NON SONO IMMORTALI. MA FANNO PIÙ PAURA

I VAMPIRI ESISTONO. NON SONO IMMORTALI. MA FANNO PIÙ PAURA

vampiro 1

 

IL BEVITORE DI SANGUE TURCO– I vampiri esistono. Sì. Lo studio scientifico è appena stato pubblicato su Psychoterapy and Psycosomatics. Autore: Vedat Sar, medico del Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Istanbul. Tema: un ragazzo vampiro. Certo, sia chiaro, non un tizio che si trasforma in pipistrello o che è condannato alla “non morte” eterna. Ma si tratta comunque di un ragazzo di 23 anni costretto ad andare in clinica per la “dipendenza” da sangue umano, che beveva ormai da due anni. Una storia che inquieta non poco, se si pensa che il giovane aveva iniziato col proprio, raccolto in un bicchiere dopo essersi tagliato braccia e torace. Ma presto era passato al sangue altrui, finendo incriminato più volte per aver morso o ferito a coltellate diverse persone. Attaccando anche i parenti e costringendo il padre a procurargli liquidi alla banca del sangue.

Il dottor Sar, nell’analizzare il caso, lo ha definito un caso di “disturbo post-traumatico da stress” dovuto ad un passato difficile, fatto di lavori saltuari, povertà, un’espulsione dall’esercito per comportamenti poco ortodossi e dai flashback continui della morte della figlia di quattro mesi, dello zio che gli avevano ucciso e spirato tra le sue braccia, e di un delitto commesso da un amico, cui aveva assistito. Era nato così il “piacere” per il sangue, e dall’idea di vedere spesso un immaginario bambino di sei anni che lo incitava alla violenza. Un ricovero non è bastato, ne sono serviti due per altrettanti di cure, almeno per disintossicarlo dalla “sete di sangue”. Nello studio il medico riferisce che casi analoghi sono noti in psichiatria fin dagli anni ’60, anche se spesso si tratta di soggetti schizofrenici. Casi di cui si sa poco, anche se talvolta, affiorano dalla cronaca.

VAMPIRI MODERNI – L’ultima volta che se n’era parlato in Italia eravamo infatti appena a novembre. E il Gris, il gruppo di ricerca sulle sette, aveva rammentato la vicenda di quattro ragazzi trevigiani tra i 17 e i 18 anni, tutti partecipanti ad un rito di vampirismo in un locale notturno del veneziano, poi chiuso. Sarebbe insomma una tetra moda che rischierebbe di degenerare in altro. Come le sette demoniache.

ASSASSINA E LICANTROPA- Ma a volte va peggio. In Florida, settembre 2011, ad esempio, Stephanie Pistley, 18 anni, aveva partecipato al delitto di un amico di due anni più giovane, Jacob Hendershot, pestato a morte e sepolto nel cemento. Interrogata, non si è scomposta: «Sono metà vampiro e metà lupo mannaro. Lo so con assoluta certezza con ogni fibra del mio corpo, con ogni cellula del mio organismo. Da quando avevo 12 anni ho capito di essere vampiro». E così, in una corsa al delirio, aveva raccontato di come bevesse regolarmente il sangue del proprio fidanzato, William Chase, accusato con lei dell’omicidio.

Nataliya Shynyan
Nataliya Shynyan

ADOLESCENTI VAMPIRI –Di più, un sondaggio svolto tra i teenager americani, forse troppo cinedipendenti dalle tante saghe dedicate ai discendenti di Dracula, rivelò come un adolescente su cinque si ritenesse un vampiro. Follie americane? Mica tanto. Soltanto due mesi prima a diverse migliaia di chilometri di distanza, nello Stato del Madhya Pradesh, India, una donna si presentava alla polizia per denunciare il marito contadino che le beveva ogni giorno il sangue, ritenendo così di diventare più forte e virile. «Dopo aver prelevato con una siringa il sangue dal mio braccio, lo versava in un bicchiere e lo beveva» dichiarò Deepa Ahirwar, 22 anni, del villaggio di Shikarpura. E se lei si rifiutava, erano botte.

 

marcus noren
Marcus Noren

DELITTO DA VAMPIRISMO- E non c’è bisogno di andare lontano per trovare episodi simili. Il 14 marzo 2011, a Ravenna Nataliya Shynyan, badante ucraina, fu trovata dai vigili del fuoco in piena notte a cavalcioni sulla donna che doveva accudire, Elsa Morigi, 88 anni, mentre rideva istericamente dopo averla uccisa a coltellate. Disse che a ordinarle il delitto era stato un demone-vampiro. Considerata incapace di intendere e di volere, dopo un anno e mezzo all’Opg di Castiglione delle Stiviere, è tornata in Ucraina.

La versione restaurata del Dracula di Bela Lugosi – GUARDA 

CACCIA AL VAMPIRO – Una vera e propria caccia al vampiro fu organizzata in Svezia nel 2003, quando fu trovata una testa mozzata in un canale e di un piede umano nella lavanderia di un ospedale. La testa apparteneva al ventiduenne Marcus Noren, scomparso dopo aver partecipato ad un particolare “gioco di ruolo” sui vampiri, vestito da Dracula. Alla fine i poliziotti arrestarono un uomo e un ragazzo, che in casa avevano altri pezzi della vittima.

L’ULTIMO VAMPIRO- Un anno più tardi toccò alla Serbia, villaggio di Lopusnik, dove fu raccolta una petizione popolare per riesumare un cadavere che davvero credevano essere un vampiro. Anzi, una vampira, che, dopo il proprio funerale, testimoniarono marito e figlio, aveva chiamato a casa per dirle di andarla a prendere.  «Due anni fa- dichiarò una vicina – anche il nonno di lei era stato sepolto ed è stato visto girare nel Cimitero». Furono chiamate le streghe locali per allontanare il vampiro, vicende che rievocano le ossessioni del Medioevo.

Allan Menzies
Allan Menzies
peter kurten
Peter Kurten

VAMPIRO DA FILM – Una cosa pericolosa, l’ossessione. Allan Menzies, ad esempio, ventiduenne tossicodipendente scozzese, era ossessionato dal film “La regina dei dannati”, tratto dal romanzo sui vampiri di Anne Rice. Lo vide 100 volte in un mese. Poi uccise l’amico Thomas McKendrick convinto di diventare immortale se ne avesse bevuto il sangue. Era il 2002. Morì suicida nel carcere di Shotts il 15 novembre 2004.

SERIAL KILLER VAMPIRI- Altri uomini “vampiro” sono entrati invece nella storia del crimine. Come l’inglese John Haigh, inizi del secolo scorso. Dopo un incidente stradale, avendo sentito il sapore del sangue, la sua vita cambiò. Lui, che rifiutava lavori pesanti per non sporcarsi le mani, divenne vampiro, nel senso che beveva il sangue delle vittime che uccideva. E che eliminava poi nell’acido muriatico. Prima di essere impiccato nella prigione di Wandsworth, in Inghilterra, si dichiarò un incompreso come Gesù, Confucio e Hitler.

VAMPIRO DI DUSSELDORF – Più noto come  “Il Vampiro di Düsseldorf”, prendendo il nome dalla città in cui colpì, fu invece Peter Kurten, che seminò il terrore uccidendo almeno nove volte e tentando di farlo altre sette, tra il 13 febbraio 1913 e il 7 novembre 1929. Nessun altro ammazzerà così tanto nel giro di così poco tempo e in una sola città. Caratteristica dei delitti il sangue, che beveva ad ogni occasione. Ammazza indifferentemente uomini, donne, bambini, animali. Quando capisce di avere il fiato sul collo della polizia, confessa alla moglie di essere il Vampiro che tutti cercano e a denunciarlo per farle incassare la ricompensa prevista, cosa che effettivamente accadrà. Finisce ghigliottinato dopo aver ucciso 36 volte.

Una rarissima edizione del più inquietante film su Dracula: Nosferatu di Murnau – GUARDA

IL VAMPIRO ITALIANO- In Italia il “vampiro” più noto fu invece Vincenzo Verzeni, noto come “il vampiro della bergamasca”. Il caso risale all’ ‘800 e fu studiato da Cesare Lombroso come primo serial killer ufficiale italiano. Tra il 1867 e il 1872 aggredì otto donne uccidendone due: e dopo averle addentate al collo ne bevve il sangue e ne mangiò i resti.

Nico Claux
Nico Claux

IL VAMPIRO TORNATO LIBERO- Il vampirismo non è però prerogativa solo dei serial killer. L’esempio più lampante è il necrofago Nicolas Claux, che dopo essersi cibato a lungo del sangue e dei muscoli dei cadaveri di cimiteri in cui era entrato e dell’ospedale in cui lavorava, passò al delitto ammazzando un uomo che aveva conosciuto come appassionato di sadomaso in una sorta di Videotel, antesignano di internet, nel 1994. Nel 2002 è stato rilasciato. Oggi dipinge, fa tatuaggi e lo si trova su internet. Anche i vampiri, alla fine, hanno accettato la globalizzazione.

 

Chi è L'enigmista

Incubi in Rete. Sono incubi che abbiamo avuto tutti. Qualcuno li sviluppa, qualcuno li cerca. Io ne scrivo. In fondo, l'incubo è l'altra metà del sogno

9 commenti

  1. kimby

    ragazzi essere un vampiro non e molto bello io per prendere il sole devo prendere una schifosissima porzione

  2. Chi la fatta ullise che gusto e

  3. Canzoncina sbirulina (2011)

    Draculetto sanculotto,
    coi dentucci da tigrotto
    nel mantello rido storto.
    Co’ ’sta cera un po’ da smorto
    fo’ succhiotti a dirotto;
    nella notte sbirulina
    vado in giro, piedi tiro;
    ai crocicchi taglio corto.
    E, tornato a castello,
    nel mio letto bello bello
    dormo, dormo, come ghiro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi