Home / La Tv del Fronte / SCRIVONO ANCORA MAGISTRATI “SOTTO FALSO NOME” SUL BLOG DI BEPPE GRILLO?

SCRIVONO ANCORA MAGISTRATI “SOTTO FALSO NOME” SUL BLOG DI BEPPE GRILLO?

 

Siamo nel 2005. Fino a non molto tempo prima, Beppe Grillo nei suoi spettacoli ha sostenuto che «dietro internet non c’è nulla, ci sono i magazzini e i camion». Lo definiva «Infernet, occulto del moderno Medioevo». E accusava le multinazionali di voler costringerci ad andare più veloci. Fornendoci di tecnologie che in realtà ci facevano lavorare di più.

Attaccava i satelliti rei di spiarci e i gps, costosi e inutili.

Le cose però sono cambiate. Grillo ha conosciuto Gianroberto Casaleggio e ha cambiato idea.

Da tre mesi ha infatti aperto il suo blog.

Mette in scena uno spettacolo che ne porta il nome, beppegrillo.it.

Attacca Telecom, porta nel teatro la “mappa del potere” sulle connessioni tra società e consigli di amministrazione.

E prova subito il nuovo modo di comunicare e fare “politica diretta”, chiedendo l’assenso dei presenti nei teatri del tour per mandare una mail collettiva al Presidente della Repubblica Ciampi in merito alla missione Antica Babilonia in Irak.

Il 28 aprile è di scena a Roma.

Grillo attacca la riforma della giustizia fatta dal ministro dell’epoca Roberto Castelli, Lega Nord. Una riforma, come è noto, che non troverà mai attuazione, perché sarà stoppata – con durissime polemiche da parte dell’Unione delle Camere Penali – dalla successiva riforma firmata dal nuovo ministro Mastella, governo Prodi, una manciata di giorni prima che entrasse in vigore.

Ma questo accadrà due anni più tardi.

Nel frattempo, anno 2005, la riforma Castelli fa discutere. E ne discute anche Grillo nel suo spettacolo.

Il blog è fresco di tre mesi, si diceva, ma i politici non se lo fileranno ancora per anni e anni, convinti di poterlo ignorare, senza minimamente accorgersi di quanto accade nel Paese.

Alcuni rappresentanti di un’altra categoria, invece, decidono di affidarsi fin da subito anche a lui, per porre un problema che li preoccupa all’attenzione pubblica.

Si tratta di alcuni magistrati.

Il comico riporta quanto gli avrebbe detto uno di essi sulle possibili conseguenze per i giudici con l’arrivo della riforma Castelli. E spiega quanto sia grave che si voglia limitare l’interpretazione della legge da parte dei magistrati. «Guai», dice il comico, perché «ci sono degli sbagli nelle leggi».

Fermo restando che si tratta di una visione piuttosto parziale delle cose, visto che una discreta serie delle condanne di Strasburgo all’Italia arrivano proprio per l’interpretazione che alcuni magistrati hanno fatto della legge, come raccontiamo in  quest’inchiesta, l’aspetto interessante è un altro.

 

Perché naturalmente ogni categoria di lavoro ha il diritto di far sapere come la pensa a Grillo e a chiunque altro.

Il fatto è che, per farlo, stando alle parole del comico, questi magistrati hanno scelto un modo piuttosto inconsueto. Spiega Grillo, nella clip del suo spettacolo che potete vedere qui sopra: «Scrivono sul mio blog, dei magistrati, sotto falso nome, perché vogliono far sapere le cose che stanno succedendo».

Ora, qualche domanda si pone: perché dei magistrati, persone che esercitano il potere giudiziario, si mettevano a scrivere le proprie ragioni non con nome e cognome, ma “sotto falso nome”, sul neonato blog di Beppe Grillo?

Chi erano questi magistrati?

E soprattutto, un ultimo quesito mi pare urgente, dopo che il comico è diventato anche il presidente di un movimento politico: fino a quando ci sono stati magistrati che hanno scritto “sotto falso nome” sul suo blog?

Edoardo Montolli

Tutti i libri di Edoardo Montolli – GUARDA

Il boia di Edoardo Montolli su Kindle – GUARDA

 

Chi è Edoardo Montolli

Edoardo Montolli, giornalista, è autore di diversi libri inchiesta molto discussi. Due li ha dedicati alla strage di Erba: Il grande abbaglio e L’enigma di Erba. Ne Il caso Genchi (Aliberti, 2009), tuttora spesso al centro delle cronache, ha raccontato diversi retroscena su casi politici e giudiziari degli ultimi vent'anni. Dal 1991 ha lavorato con decine di testate giornalistiche. Alla fine degli anni ’90 si occupa di realtà borderline per il mensile Maxim, di cui diviene inviato fino a quando Andrea Monti lo chiama come consulente per la cronaca nera a News Settimanale. Dalla fine del 2006 alla primavera 2012 dirige la collana di libri inchiesta Yahoopolis dell’editore Aliberti, portandolo alla ribalta nazionale con diversi titoli che scalano le classifiche, da I misteri dell’agenda rossa, di Francesco Viviano e Alessandra Ziniti a Michael Jackson- troppo per una vita sola di Paolo Giovanazzi, o che vincono prestigiosi premi, come il Rosario Livatino per O mia bella madu’ndrina di Felice Manti e Antonino Monteleone. Ha pubblicato tre thriller, considerati tra i più neri dalla critica; Il Boia (Hobby & Work 2005/ Giallo Mondadori 2008), La ferocia del coniglio (Hobby & Work, 2007) e L’illusionista (Aliberti, 2010). Dirige la casa editrice Algama (www.algama.it).

Leggi anche

Bruno Vespa non avrebbe dovuto intervistare Salvo Riina? E perché mai?

Enzo Biagi intervistò Liggio. C’è chi ha intervistato i peggiori assassini. E perché allora Vespa non può decidere di ascoltare Salvo Riina? Per quale ragione a decidere chi intervista chi deve essere la Commissione Antimafia?

3 commenti

  1. cane non mangia cane. chi tocca i magistrati paga dazio chi li esalta fa carriera sui giornali e in politica. sono loro la vera casta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Booking.com

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi